martedì 28 febbraio 2023

My Review: Some Ember - Held a Fragment of the Moon

 Some Ember - Held a Fragment of the Moon


Take an American from Oakland and bring him to Berlin: something intriguing is bound to happen, come on, let's not kid ourselves, two great acts cohabiting is good news.

Two singles and two Ep's later we find ourselves talking about the third Ep, Held a Fragment of the Moon, which is a satanic Synthwave monolith, biting and not fleeing, residing in its electronic programs, hurling itself into the Darkwave with delightful lightness, while the rhythms pulsate and you are transported into the stiletto heels of the dancing night. Refined, generous, romantic, but always rhythmic, the songs on the Ep are an imaginative portal to what has happened and is happening in those musical territories. Just as a book of poetry placed in the sand remains so, so does this work: however much you deny it, it will emerge...


Alex Dematteis
Musicshockworld
Salford
28th February 2023




La mia Recensione: Some Ember - Held a Fragment of the Moon

 Some Ember - Held a Fragment of the Moon


Prendi un Americano di Oakland e portalo a Berlino: qualcosa di intrigante succederà di sicuro, dai, non scherziamo, due grandi realtà che coabitano è una bella notizia.

Due singoli e due Ep dopo ci troviamo a parlare del terzo Ep, Held a Fragment of the Moon, che è un monolite Synthwave satanico, morde e non fugge, risiede nei suoi programmi elettronici, si scaglia dentro la Darkwave con deliziosa leggerezza, mentre i ritmi pulsano e si viene trasportati nei tacchi a spillo della notte danzante. Raffinate, generose, romantiche, ma sempre ritmiche, le canzoni dell'Ep sono un portale immaginifico dove raccogliere informazioni su cosa è accaduto e accade in quei territori musicali. Così come un libro di poesia messo sotto la sabbia rimane tale, ciò accade anche per questo lavoro: per quanto lo neghiate emergerà...


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

28 Febbraio 2023


https://someember.bandcamp.com/album/held-a-fragment-of-the-moon?from=search&search_item_id=910108731&search_item_type=a&search_match_part=%3F&search_page_id=2455117289&search_page_no=0&search_rank=1&logged_in_menubar=true





My Review: Holy Wire - Phantom Nihilism

 Holy Wire - Phantom Nihilism 


Blessed be Austin, the glacial capital of electropop that challenges krautrock to a duel: she wins, always, and Holy Wire is here to prove it with a daring and consensus-winning track, because you will agree with the old scribe that here we are in front of the purity that cannot be resisted, we become obedient with complacency, joy, chewing on this song as a due act. The guitars serve to remind us of the minimalism of the instrument at the dawn of Post-Punk, but it is the electronic base that hovers, conquers, as if it were a woman insensitive to provocations, with the task of bringing its own beauty (the melodic/rhythmic line) inside our inebriated gazes. So it ends up that listening to this track becomes a journey through time that makes it impossible to forget: it is a musical bridge that allows us to celebrate itself without possibility of denial. Clamorously intriguing.


Alex Dematteis
Musicshockworld
Salford
28th February 2023




La mia Recensione: Holy Wire - Phantom Nihilism

 Holy Wire - Phantom Nihilism 


Sia benedetta Austin, la glaciale capitale dell’electropop che sfida a duello il krautrock: vince lei, sempre, e Holy Wire è qui a dimostrarlo con un brano audace e conquistatore di consensi, perché converrete con il vecchio scriba che qui siamo davanti alla purezza a cui non si resiste, si diventa obbedienti con compiacenza, gioia, masticando questa canzone come un atto dovuto. Le chitarre servono a ricordarci il minimalismo dello strumento agli albori del Post-Punk, ma è la base elettronica che aleggia, conquista, come se fosse una donna insensibile alle provocazioni, con il compito di portare la propria bellezza (la linea melodica/ritmica) all’interno dei nostri sguardi inebetiti. Finisce così che ascoltare questo brano diventa un cammino dentro il tempo che rende impossibile scordarlo: è un ponte musicale che permette di celebrare se stesso senza possibilità di smentita. Clamorosamente intrigante.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

28 Febbraio 2023


https://holywire.bandcamp.com/track/phantom-nihilism




My Review: Final Body - Sick Quitter

 Final Body - Sick Quitter


This is the Seattle that shakes and conquers the old scribe: two hundred and six seconds of gunpowder under the blanket of Post-Punk that, having emigrated from Germany and glided to the United States, performs a miracle of gothic intensity, with neurotic drops of multiple needs, to become a rosary to be recited in continuous adoration. The singing is an intense refugee prayer from the land inhabited by Robert Smith in the Pornography period. Yes, of course, the guitars also have something of the Cure about them, but there are other sound and reference houses one could look to. However: what is important is to be subjected to this running torrent of melancholy, so abundant and pleasant...


Alex Dematteis
Musicshockworld
Salford
28th February 2023




lunedì 27 febbraio 2023

La mia Recensione: Final Body - Sick Quitter

 Final Body - Sick Quitter


Questa è la Seattle che scuote e conquista il vecchio scriba: duecento e sei secondi di polvere da sparo sotto la coperta del Post-Punk che, emigrato dalla Germania e planato negli Stati Uniti, compie un miracolo di intensità gotica, con gocce nevrotiche di esigenze plurime, per divenire un rosario da recitare in adorazione continua. Il cantato è una intensa preghiera profuga dalla terra abitata da Robert Smith nel periodo di Pornography. Sì, certamente, le chitarre hanno anche qualcosa dei Cure, ma sono altre le case sonore e di riferimento a cui si potrebbe guardare. Però: ciò che conta è essere sottoposti a questa fiumana in corsa di melanconia, così abbondante e piacevole…


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

28 Febbraio 2023


https://finalbody.bandcamp.com/track/sick-quitter




My Review: Isolationsgemeinschaft - Der Tanz geht weiter!

 Isolationsgemeinschaft - Der Tanz geht weiter!


The power of dancing on autopilot: you don't have to pay attention to anything, just be a jet of muscle in the air, flying and dispelling all worries.

Making us become exactly that is the irresistible electronics of the German duo Isolationsgemeinschaft, who have descended to planet Earth to take us back to theirs: an ordered chaos of sounds coming from the satellites of Uranus, the Greek God of the sky. And it is there that we become glacial dancers in evolution. Starting with DA.F., the two surely thought that nothing should be forgotten, that it is legitimate to steal only what is good and perfect, and I would say that the operation was perfectly successful. 

Loops of microchips thrown into the absent mind produce sweat and metal in the muscles: when the Ebm pushes on the accelerator the Minimal Synth is absent, when the tracks get slower the Coldwave shows its chest, proudly.

A truly worthwhile album, majestic and never out of time.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

27th February 2023


https://isolationsgemeinschaft.bandcamp.com/album/der-tanz-geht-weiter





La mia Recensione: Isolationsgemeinschaft - Der Tanz geht weiter!

 Isolationsgemeinschaft - Der Tanz geht weiter!


La potenza del ballo con il pilota automatico: non devi prestare attenzione a nulla, solo essere un getto di muscoli nell’aria, volando e disperdendo ogni preoccupazione.

A farci divenire esattamente tutto questo ci pensa l’elettronica irresistibile del duo tedesco Isolationsgemeinschaft, sceso sul pianeta Terra per riportarci nel loro: un caos ordinato di suoni che arrivano dai satelliti di Urano, il Dio greco del cielo. Ed è lì che si diventa glaciali ballerini in evoluzione. Partiti dai DA.F., i due hanno sicuramente pensato che nulla vada dimenticato, che sia legittimo rubare solo ciò che è valido e perfetto e direi che l’operazione è perfettamente riuscita. 

Loop di microchip lanciati nella mente assenteista producono sudore e metallo nei muscoli: quando l’Ebm spinge sull’acceleratore il Minimal Synth si assenta, quando i brani si fanno più lenti la Coldwave mostra il petto, con fierezza.

Un album davvero utile, maestoso e mai fuori tempo.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

27 Febbraio 2023


https://isolationsgemeinschaft.bandcamp.com/album/der-tanz-geht-weiter





My Review: 23rd Underpass - Real Life

 23rd Underpass - Real Life


Can you imagine Athens, the Greek capital, queen of Italo dance, even for a second? I think not. But Costa Andriopoulo and Nadia Vassilopoulo think otherwise: their fascinations for that Italian season (not to be underestimated as capable of producing unquestionable goodies) are true and deep and their ability to mix it with the most qualified Synthpop has produced songs that come to create waves of dreams that are easy to grasp. It is good to see that there is still the will to make music a joyful and sensual experience, with songs that at the end of the dance lead you to embrace life.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

27th February 2023


https://nadanna.bandcamp.com/album/real-life-2lp






La mia Recensione: 23rd Underpass - Real Life

 23rd Underpass - Real Life


Ve la immaginate Atene, la capitale Greca, regina della Italo dance, anche solo per un secondo? Credo di no. Ma Costa Andriopoulo e Nadia Vassilopoulo la pensano diversamente: le loro fascinazioni per quella stagione italiana (da non sottostimare in quanto capace di produrre indiscutibili chicche) sono vere e profonde e la loro abilità nel miscelarla con il Synthpop più qualificato ha prodotto canzoni che arrivano a creare onde di sogni di facile presa. Fa piacere constatare che esiste ancora la volontà di fare della musica una esperienza gioiosa e sensuale, con canzoni che alla fine del ballo ti conducono ad abbracciare la vita.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

27 Febbraio 2023


https://nadanna.bandcamp.com/album/real-life-2lp







domenica 26 febbraio 2023

My Review: TWIN ION ENGINE - SKINWALKER

 TWIN ION ENGINE - SKINWALKER


The sea of thoughts finds landfall, with a dense dialogue, within the walls of San Diego, the city that seems unstoppable in generating sons devoted to quality music.

Such is the case with TWIN ION ENGINE, a duo that returns to the release of their enchanting music with this single, a demonstration of strength, class and their confirmed and distinct intention to sound more European than American.

Capable of creating an imagery of sadness in a rapture that leads them to run with pictures of Coldwave kissing Post-Punk on their skin, the song is a tale in which an addiction crumples life, with the ability however to give it rhythm, to make it dance and perhaps to lengthen its breath. 

If you pay attention, you will certainly not miss the fact that the singing seems to come from the huge Russian workshop, the good, musical one. With a bass like that and guitars that hum without a moment's pause, we find ourselves inside flows of continuous hypnosis, which does not relax but rather agitates the nerves in a moving way, with the merit of making us enthusiastic, even if inside a neurotic and sad cloak. 

A layered track, alternating instruments, it keeps the voice under the covers, in a whispered reverberation, while outside, in the dancing night, these notes are waiting to make it perfect.

From San Diego that's it, the line goes back to your ability to enjoy a delirium that lasts four minutes and six seconds but, mind you, no problem because the REPEAT mode will start itself...


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26th February 2023


https://tie-music.bandcamp.com/track/skinwalker





La mia Recensione: TWIN ION ENGINE - SKINWALKER

 TWIN ION ENGINE - SKINWALKER


Il mare dei pensieri trova l’approdo, con un fitto dialogo, dentro le mura di San Diego, la città che sembra inarrestabile nel generare figli devoti alla musica di qualità.

È il caso dei TWIN ION ENGINE, un duo che torna alla pubblicazione della loro musica incantevole con questo singolo, dimostrazione di forza, classe e della loro confermata e spiccata intenzione di sembrare più europei che americani.

Capace di creare un immaginario fatto di tristezze in un raptus che le conducono a correre con sulla pelle le foto della Coldwave che bacia il Post-Punk, la canzone è un racconto nel quale una dipendenza accartoccia la vita, con l’abilità però di darle ritmo, di farla danzare e forse di allungarne il respiro. 

Se si presta attenzione non sfuggirà di certo il fatto che il cantato sembri provenire dall'enorme officina Russa, quella buona, quella musicale. Con un  basso del genere e le chitarre che ronzano senza fermarsi un attimo, ecco che ci ritroviamo dentro flussi di ipnosi continua, che non rilassa bensì agita i nervi in un modo commovente, con il merito di farci entusiasmare, seppure dentro una cappa nevrotica e triste. 

Un brano stratificato, che alterna gli strumenti, tiene la voce sotto le coperte, in un riverbero sussurrato, mentre fuori, nella notte danzante, queste note sono attese per renderla perfetta.

Da San Diego è tutto, la linea torna alla vostra capacità di godere di un delirio che dura quattro minuti e sei secondi ma, attenzione, nessun problema perché la modalità REPEAT si avvierà da sola…


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26 Febbraio 2023


https://tie-music.bandcamp.com/track/skinwalker







My Review: Cruush - Stick in the Mud / Sombre by the Weekend

 Cruush - Stick in the Mud / Sombre by the Weekend


Playing at home, if you have to write about music and the city is Manchester (England), is a beautiful and simple act, given the multitude of good offerings and many of them powerful, to the delight of the old scribe who is excited and satisfied.

If we then talk about Cruush, a quartet dedicated to a splendid exercise in combining shoegaze with an alternative that spans its boundaries, then the result can only be enchanting.

They churn out songs with great ease and their latest Single reveals how hard work and talent do not struggle to produce stout, sinuous textures.

Stick in the Mud is a collection of searching shards of light, a collision between shoegaze stylings and the possibilities of introducing multifaceted alternative patterns to deliver sensitive, nourishing guitars to the listener.  Amber Warren's voice is perfectly capable of raising the hairs of the skin with its angelic vocal that reminds us how certain strings are the expression of absolute grace. Her guitar and Arthur Boyd's guitar create whirlwinds of notes that are perfectly noisy, rebellious, magnetic, with a loop that enchants. 

With Sombre by the Weekend we witness the approach of Dreampop flamboyance and the cohabitation of a celestial stop-and-go exercise capable of bestowing poetry and serenity.

Two tracks that see Will Milton's bass revealing all the sweetness and at the same time the strength to recall the astonishment of a predisposition to protect the notes of the whole band, and Fotis Kalantzis' drumming secure, energetic, perfect.

Lockdown was the driving force behind these songs and it must be acknowledged that sparks of wonder-coloured life can often arise from difficulties.

This combo of compositions deserves your listening and the whole thing will be a kiss in the clouds satisfied with the city that continues to produce goodies upon goodies…


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26th February 2023


https://cruushband.bandcamp.com/track/stick-in-the-mud

https://cruushband.bandcamp.com/track/sombre-by-the-weekend












La mia Recensione: Cruush - Stick in the Mud / Sombre by the Weekend

 Cruush - Stick in the Mud / Sombre by the Weekend


Giocare in casa, se devi scrivere di musica e la città è Manchester (Inghilterra), è un atto bellissimo e semplice, vista la moltitudine di proposte valide e molte delle quali poderose, per la felicità del vecchio scriba che è eccitato e soddisfatto.

Se poi si parla dei Cruush, un quartetto dedito a un esercizio splendido nell’unire lo Shoegaze a un Alternative che spazia nei suoi confini, allora il risultato non può che risultare incantevole.

Sfornano canzoni con grande facilità e l’ultimo single rivela come il lavoro e il talento non fatichino a produrre trame corpulente e sinuose.

Stick in the Mud è la collezione di schegge di luce in cerca di sguardi, una collisione tra gli stilemi Shoegaze e le possibilità di introdurre schemi poliedrici Alternative per regalare all’ascolto chitarre sensibili e nutrienti.  La voce di Amber Warren è perfettamente in grado di alzare i peli della pelle con la sua vocazione angelica che ci ricorda come certe corde siano l’espressione della grazia assoluta. La sua chitarra e quella di Arthur Boyd creano mulinelli di note perfettamente rumorose, ribelli, magnetiche, con un loop che incanta. 

Con Sombre by the Weekend assistiamo all’avvicinamento di fiammate Dreampop e alla coabitazione di un celestiale esercizio di uno stop and go capace di regalare poesia e serenità.

Due brani che vedono il basso di Will Milton rivelare tutta la dolcezza e al contempo la forza per richiamare lo stupore di una predisposizione a proteggere le note di tutta la band e il drumming di Fotis Kalantzis sicuro, energetico, perfetto.

Il lockdown è stato il motore di queste canzoni e bisogna riconoscere che spesse volte da delle difficoltà possono nascere scintille di vita color meraviglia.

Questo combo di composizioni merita il vostro ascolto e il tutto risulterà essere un bacio tra le nuvole soddisfatte della città che continua a produrre chicche su chicche…


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26 Febbraio 2023


https://cruushband.bandcamp.com/track/stick-in-the-mud

https://cruushband.bandcamp.com/track/sombre-by-the-weekend








My Review: Allen Epley - Everything

 Allen Epley - Everything 


The old scribe returns to Kentucky, and back to Louisville, for the debut album of this artist who has crafted a nuanced record, with distant roots but imbued with his own style that tends to fill it with a layer of magic that sometimes makes it difficult to understand: spectacular for that reason alone. The melodies and arrangements, clean and precise, give us the feeling of being in front of a film where nostalgia is replaced by an understanding of the past, an act of human maturity even before artistic maturity. It is an album that traverses the layers of the psyche and often does so from there, supported by the consideration of 70s music as the best, given the endless list of artists who combined art-music-psychology. Alternative meets softer Indie rock is already a miracle... His ability is to create music that sounds like the skin of dreams trying to be fished out. He does this with patience and commitment, with guitars that can be caressing and with a skilful use of slow but never boring rhythms. Slow but quick to enter the heart...


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26th February 2023


https://allenepley.bandcamp.com/album/everything






La mia Recensione: Allen Epley - Everything

 Allen Epley - Everything 


Il vecchio scriba torna nel Kentucky, e nuovamente a Louisville, per l'album di esordio di questo artista che ha confezionato un disco ricco di sfumature, con radici lontane ma imbevute del suo stile che tende a riempire di uno strato di magia che rende a volte difficile capirle: spettacolare già per questo motivo. Le melodie e gli arrangiamenti, puliti e precisi, ci fanno avere la sensazione di essere davanti a un film dove la nostalgia viene sostituita dalla comprensione del passato, un atto di maturità umana ancor prima che artistica. Un album che percorre gli strati della psiche e lo fa spesso partendo da lì, facendosi supportare dalla considerazione della musica degli anni ’70 come la migliore, visto l'elenco infinito di artisti che coniugavano arte-musica-psicologia. L'Alternative che incontra l'Indie rock più tenue è già un miracolo... La sua abilità è quella di creare musica che sembra la pelle di sogni che cercano di essere pescati. Lo fa con pazienza e impegno, con chitarre che sanno essere carezze e con un uso sapiente di ritmi lenti ma mai noiosi. Lento ma veloce ad entrare nel cuore…


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

26 Febbraio 2023


https://allenepley.bandcamp.com/album/everything




sabato 25 febbraio 2023

Nina Belief - Vessel Of Voices

 Nina Belief - Vessel Of Voices 


Dear old scribe where are you taking us to this time? To the city of Dexter, the famous serial killer, because the album I'm telling you about somehow kills the approximate stylistic injustice in that Nina Belief, an absolute superstar, is no joke, she is not imprecise, she is quite the opposite, because of her unquestionable will and means to give all the genres she considers and plays the right place. The scenario is crazy, an encyclopaedia, a history of well-blended sounds, a path within the dictates that she respects.

A long list then of electronics with its gills, a swimming in the motions of possibility to form a circuit that compacts four decades and bodes well for the future.

Her synths are needles, finger pressures in our ears, a lysergic journey where 'plastic' music is one of the expressions, but consider also her lyrics, her voice, and you have a picture of Picasso melting to contaminate transistors eager for electric/emotional shocks.  One dances but with a swollen head, sweaty thoughts, as she dutifully beats the cages of our imprisoned daily condition. The melodies are short but intense, capable of flexing the lips in a sweet smile. It seems inevitable to think that the greatest gift this album gives us is to silence the belief that even electronics are now greasy with wear and tear: Nina revitalises everything and with dry but real tears offers us continuous magic, within the 18 musical quivers that make this work the new Mecca of synths.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

25th February 2023


https://ninabelief.bandcamp.com/album/vessel-of-voices-2





Nina Belief - Vessel Of Voices

 Nina Belief - Vessel Of Voices


Caro vecchio scriba dove ci porti questa volta? Nella città di Dexter, il famoso serial killer, perché l’album di cui vi parla in qualche modo uccide l’ingiustizia stilistica approssimativa in quanto Nina Belief, fuoriclasse assoluta, non scherza, non è imprecisa, è tutto l’opposto, per la sua indiscutibile volontà e mezzi a disposizione per conferire a tutti i generi da lei considerati e suonati la giusta collocazione. Lo scenario è pazzesco, una enciclopedia, una storia dei suoni ben amalgamati, un percorso dentro i dettami che lei rispetta.

Un elenco lungo quindi di elettronica con le sue branchie, un nuotare dentro i moti di possibilità per formare un circuito che compatta quattro decadi e ci fa ben sperare per il futuro.

I suoi Synth sono aghi, pressioni delle dita nelle nostre orecchie, un viaggio lisergico dove la  musica di “plastica” è una delle espressioni, ma considerate anche i suoi testi, la sua voce, e avrete un quadro di picasso che si scioglie per contaminare i transistor desiderosi di scosse elettriche/emozionali.  Si danza ma avendo la testa gonfia, i pensieri sudati, mentre lei picchia con rispetto le gabbie della nostra imprigionata condizione giornaliera. Le melodie sono brevi ma intense, capaci di far flettere le labbra in un dolce sorriso. Pare inevitabile pensare che il regalo più grande che ci fa questo album è quello di silenziare le convinzioni che anche l’elettronica sia ormai unta di logorio: Nina rivitalizza tutto e con lacrime asciutte ma reali ci offre una magia continua, dentro i 18 fremiti musicali che fanno di questo lavoro la nuova Mecca dei synth.


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

25 Febbraio 2023


https://ninabelief.bandcamp.com/album/vessel-of-voices-2





In a Lonely Place - Reflection

 In a Lonely Place - Reflection


The old scribe never lacks the urge to take a few steps into the Muscovite universe, the European capital of Post-Punk, the one that knows how to detach itself from its origins in order to sweep through blood-red clouds stained with grey.

Such is the case with Mikhail Omelchuck: the sole member of this stellar project, a spokesman for oblique flashes, bass strokes like sabre-rattling, dry drumming, his voice like a diamond falling on skin. Reflection is an electric splinter without peace, because the guitar that enters at a certain point splits the sky: on one side the 80s Darkwave bowing helplessly and on the other his own, wielded like a dagger that cuts and leaves, without any care to look at the effect created. Toxic, perverse, hypnotic and chaotic, the song is gothically addictive, the smile tilts to the floor and you dance like terrified but healthy ants: long live Mikhail!


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

25th February 2023


https://inalonelyplace.bandcamp.com/track/reflection




In a Lonely Place - Reflection

 In a Lonely Place - Reflection


Al vecchio scriba non manca mai la voglia di fare due passi dentro l’universo Moscovita, capitale europea del Post-Punk, quello che sa distaccarsi dalle origini per poter spaziare dentro nuvole rosso sangue macchiate di grigio.

È il caso di Mikhail Omelchuck: unico membro di questo progetto stellare, portavoce di bagliori obliqui, colpi di basso come sciabolate, drumming secco, la voce come un diamante che cade sulla pelle. Reflection è una scheggia elettrica senza pace, perchè la chitarra che entra a un certo punto spacca il cielo: da una parte la Darkwave degli anni ’80 che si inchina impotente e dall’altra la sua, impugnata come un pugnale che taglia e se ne va, senza alcuna premura di guardare l’effetto creato. Tossica, perversa, ipnotica e caotica, la canzone crea dipendenza gotica, il sorriso si inclina verso il pavimento e si danza come formiche atterrite ma in buona salute: lunga vita Mikhail!


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

25 Febbraio 2023


https://inalonelyplace.bandcamp.com/track/reflection





venerdì 24 febbraio 2023

My Review:The Liar Script - Lesser Men

 The Liar Script - Lesser Men


Who can argue that there is no beauty in the underground, in things forgotten, obstructed, covered up by the new that advances inexorably?

In the San Francisco Bay Area in 2010, The Liar Script formed, so devoted to European art forms, especially British ones, and began to play, to compose new songs with the healthy pleasure of staying in touch with those sounds and modes of expression. They did not deny themselves their most coveted task: to find their own style, something recognisable, aware of the difficulty given by the obvious amount of references that run through their songs. But they have succeeded, this is evident in the EP that Old Scribe has decided to reissue, seven years after its release.

The three sombre jewels are an exposition of two musical genres that are related, but have been struggling to get along lately: jealousies are inherent in the human soul. In doing so, immense possibilities for development are lost. The San Francisco band does not fail, however, and puts forth a sublime crossbreed of Post-Punk and Darkwave, with the opening track All My Frustration being a sombre dance, the intersection of tensions and lacerations rent in the scratchy bass and syncopated drumming.

With Lesser Men we enter the slow abyss of defeat, between murky guitars and a bass that sounds like a crocodile waiting to maul a gazelle. The vocals are like a weeping willow on a winter's day, and the will to live, now gone to the wastebasket of rejected things, crouches in this skin-tearing darkwave expression.

The last episode is titled The Silent Room and the echoes of the eighties advance, confusing, tossing us on the bed with the pleasure of a slow, perfect, enchanted, necessary anguish.

A work that confirms that there is delicious nectar in the bottom of bottles: take three sips, one for each track, and enjoy this little unknown miracle... 


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

24th February 2023


https://theliarscript.bandcamp.com/album/lesser-men




La mia Recensione: The Liar Script - Lesser Men

 The Liar Script - Lesser Men


Chi può sostenere che non esiste bellezza nel sommerso, nelle cose dimenticate, ostacolate, coperte dal nuovo che avanza in modo inesorabile?

Nella Baia di San Francisco nel 2010 si formarono i The Liar Script, così devoti alle forme artistiche europee, specialmente quelle Britanniche, e incominciarono a suonare, a comporre brani nuovi con il piacere sano di rimanere in contatto con quelle sonorità e modalità di espressione. Non negando a loro stessi il compito più ambito: trovare il loro stile, un qualcosa di riconoscibile, consapevoli della difficoltà data la mole evidente di richiami che attraversano le loro canzoni. Ma ci sono riusciti, questo è evidente nell’EP che il vecchio scriba ha deciso di riproporre, sette anni dopo la sua uscita.

I tre cupi gioielli sono l’esposizione di due generi musicali imparentati, ma che ultimamente faticano ad andare d’accordo: le gelosie sono insite nell’animo umano. Così facendo si perdono possibilità immense di sviluppo. La band di San Francisco però non fallisce e mette in campo un incrocio sublime di Post-Punk e Darkwave, con l’iniziale All My Frustration che è una danza cupa, l’incrocio di tensioni e lacerazioni che prendono affitto nel basso graffiato e nel drumming sincopato.

Con Lesser Men si entra nel baratro lento della sconfitta, tra chitarre torbide e il basso che sembra un coccodrillo in attesa di sbranare una gazzella. Il cantato è un salice piangente in un giorno d’inverno e la voglia di vivere, ormai andata nel cestino delle cose rifiutate, si accuccia in questa espressione Darkwave che lacera la pelle.

L’ultimo episodio si intitola The Silent Room e gli echi degli anni Ottanta avanzano, confondono, sbattendoci sul letto con il piacere di un’angoscia lenta, perfetta, incantata, necessaria.

Un lavoro che conferma che vi è del nettare prelibato nel fondo delle bottiglie: fate tre sorsi, uno per ogni brano, e gustatevi questo piccolo miracolo sconosciuto… 


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

24 Febbraio 2023


https://theliarscript.bandcamp.com/album/lesser-men




My Review: Ivy’s Void - Ivy’s Void Ep

 Ivy's Void - Ivy's Void Ep


Beauty wears black. Always.

Let's go to Berlin, where this colour is a danger that can be felt and smelt everywhere. There are those, however, who know how to create it without suffering affronts and controversy. For example, Eve's Void, catatonic robots and distributors of contaminated and derivative poison (listen to the beginning of Isolation_Horizon and you will hear the spectres of Kraftwerk's The Model signing off), released in 2016, on the amazing Oraculo Records, this Ep that is nothing if not a sonic concept on the increasingly technological world and therefore suffering from addictions. At least a dozen musical genres claim space and it is for this reason that it is all a blossoming of suggestions, references and much more, for an incredibly compact result. We also find The Cramps in the sumptuous Deranged 43, kept hidden and given over to an almost melancholic but certainly vibrant synthpop. 

Sensual and almost psychedelic keyboards challenge the bass, the instrument that leads one to think that Postpunk here is a tireless generator of inspiration!


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

24th February 2023


https://ivysvoid.bandcamp.com/album/ivys-void-ep





La mia Recensione: Ivy’s Void - Ivy’s Void Ep

 Ivy’s Void  - Ivy’s Void Ep


La bellezza veste di nero. Sempre.

Andiamo a Berlino, dove questo colore è un pericolo che si avverte e si annusa dovunque. C’è chi però sa crearlo senza che possa subire affronti e polemiche. Per esempio gli Eve’s Void, robot catatonici e distributori di veleno contaminato e derivato (ascoltate l’inizio di Isolation_Horizon e sentirete gli spettri di The Model dei Kraftwerk apporre la firma sul consenso), hanno pubblicato nel 2016, per la strepitosa Oraculo Records, questo Ep che nulla è se non un concept sonoro sul mondo sempre più tecnologico e perciò sofferente di dipendenze. Almeno una decina i generi musicali che pretendono spazio ed è per questo motivo che è tutto un fiorire di suggestioni, riferimenti e molto altro ancora, per un risultato incredibilmente di grande compattezza. Ci troviamo pure i The Cramps nella sontuosa Deranged 43, tenuti nascosti e dati in pasto a un synthpop quasi melanconico ma vibrante di certo. 

Tastiere sensuali e quasi psichedeliche sfidano il basso, lo strumento che porta a pensare che il Postpunk qui sia un generatore di ispirazioni instancabili!


Alex Dematteis

Musicshockworld

Salford

24 Febbraio 2023


https://ivysvoid.bandcamp.com/album/ivys-void-ep




La mia Recensione: Federale - Reverb & Seduction

  Federale - Reverb & Seduction In un mondo fatto di grida, più o meno rumorose, e di falsità, trovarsi all’interno di un misterioso riv...